El Empleo – Lavoro e dignità

Tutti siamo gli zerbini di qualcuno al lavoro.
Se questo dato di fatto non è facile da cambiare ciò che possiamo fare è trattare con dignità chi lavora con noi o sotto di noi.
Solo trattando chi ci sta accanto con il dovuto rispetto potremo trovare il coraggio e la forza di pretenderlo per noi e la nostra professionalità.

Annunci

Otello Spennello: l’uomo che sussurrava al lavoro

A grande richiesta (un utente: ciao ilgattosyl!) tornano le interviste del blog ai protagonisti del mondo del lavoro.

Dopo avervi raccontato la Storia di uno stagista seriale, la Confessione di un raccomandato e raccolto un’ Intervista ad un datore di lavoro oggi gioca con noi Otello Spennello, vincitore del guinnes dei primati per il “Maggior numero di apprezzamenti e complimenti al proprio capo in un giorno”, un vero esperto nell’arte del lecchinaggio e della sottomissione anaffettiva.

Continua a leggere Otello Spennello: l’uomo che sussurrava al lavoro

Mantenere un posto di lavoro: come leccare per bene il deretano del proprio capo in 5 semplici comandamenti.

mose

Cari compagni ancora in cerca di un occupazione come si deve. Sono arcisicuro che alcuni di voi avranno perso almeno un posto di lavoro a causa della proprio lingua tagliente e rugosa, la quale mal si adatta ad appoggiarsi sulle lisce natiche di un capo reparto, un giovin editor, un boss qualsiasi.

Questo perché volete fare sempre come vi pare e pensare con la vostra testa, mentre tenersi stretto un posto è facile, basta seguire 5 semplici regole:

Continua a leggere Mantenere un posto di lavoro: come leccare per bene il deretano del proprio capo in 5 semplici comandamenti.